immagine

ANTICHI MESTIERI

IMPARA L’ARTE E METTILA DA PARTE
L’era del “benessere”, la crescente apertura dei mercati fino alla globalizzazione hanno comportato negli ultimi decenni un continuo abbandono dell’attività agricola e con essa la quasi scomparsa di alcuni “mestieri” o arti, che i contadini svolgevano prevalentemente nel tempo libero.
Questi lavori avevano lo scopo di ottenere attrezzature e/o prodotti da utilizzare in famiglia o nell’azienda, utilizzando i cosiddetti materiali poveri facilmente reperibili nei luoghi.
Andando a stuzzicare la memoria di un vecchio contadino, questi ci racconta quando e come umilmente aveva imparato ad intrecciare rami di olivastro o salice, canna, corda di canapa, foglie di granturco, rafia ed altri materiali, per produrre panieri, cesti ed altri contenitori utilizzati in casa oppure in campagna.
Continuando nel suo rievocare, ammette di aver “rubato visivamente” al maestro del comprensorio la “ricetta” per ottenere sapone alle erbe medicinali e di aver prodotto nel corso degli anni questi saponi per la sua famiglia e qualche amico.
L’università Popolare Comprensoriale Filippese offre la possibilità di promulgare tali attività, rivolte soprattutto ai giovani, organizzando corsi di breve durata.
Ecco il video del corso :D clicca per vederlo su youtube

eventi trascorsieventi trascorsi